Settimana del Design

16 Aprile 2011

L’anno scorso, e quello prima ancora, e quello prima…, a quest’ora eravamo lì, a Milano. Quest’anno è stata solo una toccata e fuga, senza molto tempo per guardarsi attorno.

Qualcosa di noi comunque c’è, la nostra foto nel giornale di BestUP, distribuito a Milano in questi giorni. Perché siamo lì, tra quei 26 del paginone “L’importanza delle persone”? Lo dicono loro: “In queste pagine donne e uomini che con il loro lavoro collaborano all’affermazione dell’abitare sostenibile, anche sostenendo le attività di BestUP”. Il giornale di BestUP lo potete trovare anche online, qui .

Non serve che dica cosa fare a Milano in questi giorni, ma se vi interessa la sostenibilità, vi consiglio un giro di greenwashing spotting: scoprire i prodotti presentati come sostenibili senza che le argomentazioni a riguardo siano basate su fatti di un certo rilievo. Guardate e chiedete ad esempio:

– se dicono che i prodotti sono sostenibili solo perché riciclabili. Ne abbiamo parlato qui .

– se dicono che i prodotti sono sostenibili solo perché fatti con materiali naturali. Non basta, ne abbiamo parlato qui .

– su cosa sono basate queste affermazioni, se su considerazioni generiche o studi scientifici

– guardate se il prodotto è disassemblabile, duraturo, resistente, con quanti materiali è fatto, se usa materiali riciclati, se le materie prime sono certificate (ad esempio, per il legno, se proviene da foreste gestite in modo sostenibile)

– se l’impatto ambientale del prodotto è stato analizzato con uno studio di LCA

Per altri riferimenti, vedete il nostro post sulle 28 regole della sostenibilità .

Categorie: Auguri ed Eventi